Home

Quel che vale

Le Tre Grazie, Perfezione e Sensualità

Le Tre Grazie, Perfezione e Sensualità

Le conosciamo come le Tre Grazie, ma cosa sappiamo di loro? Figlie di Zeus, le Grazie presiedevano ai banchetti e alle danze, regalavano momenti di gioia agli dei e ai mortali, cantavano e ballavano per gli dei sul monte Olimpo. E come le Muse sapevano donare ad artisti e poeti la capacità di creare bellissime opere d’arte, diventandone uno dei soggetti preferiti, dalle celebri sculture del Canova ai vivaci dipinti di Raffaello, Rubens, Botticelli. Recuperare questa immagine in una piccola scultura come un gioiello significa quindi ricercare la bellezza, seguire i canoni estetici più classici, esaltare la perfezione. Di solito raffigurate come tre giovani vergini, le Grazie sono state sempre rappresentate abbracciate, quasi a simboleggiare una comunione di affetti e sensualità: significati preziosi che questi raffinati gioielli vogliono rievocare.

Primavera

Sandro Botticelli

1482 circa

Tempera su tavola

Galleria degli Uffizi, Firenze


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Quel che vale

Quanto valgono il tempo, l'attenzione, la passione, il talento? Quanto valgono lo stile, l'armonia, la freschezza, l'idea, l'oro, la luce, la pietra? Cosa vale?

Qui raccontiamo quel che vale per noi, per quel che vale. E lo facciamo per incontrare persone che ci somigliano, e che per questo ci scelgono.