Home

Quel che vale

Il Canestro di Caravaggio

Il Canestro di Caravaggio

Canestro di frutta, opera prima del Caravaggio, datata 1596 e oggi conservata alla Pinacoteca Ambrosiana, è il simbolo della genialità dell’artista che per la prima volta, in modo rivoluzionario, mette sotto i riflettori un banale cesto di frutta, quella ‘fiscella’ che di solito compariva in qualche angolo di scena . Il cesto passa così da semplice oggetto a soggetto, da anonima comparsa ad attore protagonista. Caravaggio pone un’estrema cura nel delinearne l’intreccio, intreccio ripreso in questo gioiello che ne rievoca la fedele riproduzione della realtà.

Canestra di frutta

Michelangelo Merisi da Caravaggio
1594-1597 ca.
Olio su tela
Pinacoteca Ambrosiana, Milano

 

 

 

 

 

Il semplice cesto di vimini è rappresentato come se si trovasse in alto rispetto allo sguardo di un ipotetico spettatore. Il tutto ovviamente ha un significato simbolico: la frutta e le foglie sono dipinte nel modo più verosimile possibile, se la mela è bacata, va dipinta bacata; se le foglie sono secche, vanno dipinte accartocciate. Il tutto può essere quindi ricondotto alla brevità della giovinezza e dell’esistenza umana.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Quel che vale

Quanto valgono il tempo, l'attenzione, la passione, il talento? Quanto valgono lo stile, l'armonia, la freschezza, l'idea, l'oro, la luce, la pietra? Cosa vale?

Qui raccontiamo quel che vale per noi, per quel che vale. E lo facciamo per incontrare persone che ci somigliano, e che per questo ci scelgono.