Home

Quel che vale

C come Candela

C come Candela

Candela

Nella cultura popolare il Natale è sempre stato legato alla chiusura di un ciclo stagionale.

Nel 274 d.C. l’imperatore Aureliano decise che il 25 dicembre si festeggiasse il Sole.

Da qui risale la tradizione del ceppo natalizio,  preferibilmente di quercia che doveva bruciare nelle case per 12 giorni consecutivi in modo propiziatorio.

Oggi sarebbe un po’ ingombrante bruciare un ceppo; ecco perché è stato sostituito con la fiamma di ceri e candele.

foto: Silvia Poli



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Quel che vale

Quanto valgono il tempo, l'attenzione, la passione, il talento? Quanto valgono lo stile, l'armonia, la freschezza, l'idea, l'oro, la luce, la pietra? Cosa vale?

Qui raccontiamo quel che vale per noi, per quel che vale. E lo facciamo per incontrare persone che ci somigliano, e che per questo ci scelgono.